Oltre 150 scuole del primo e del secondo ciclo dell’istruzione, provenienti da 12 regioni d’Italia, interessate ad avviare sperimentazioni nelle metodologie didattiche innovative del DEBATE/PUBLIC SPEAKING e del TINKERING/MAKING/IoT, utili a favorire l’upskilling necessario a rispondere alle sfide di un mondo che cambia rapidamente.

Post recenti

Commenti recenti

Categorie

Ecco le date dei calendari per i Laboratori Formativi del progetto #reticollaborative a portata di click nella sezione “News” !

Il Progetto “Reti collaborative per didattiche innovative”, promosso dall’I.I.S. Campus “Leonardo da Vinci” di Umbertide (PG) nell’ambito del PNSD – Reti nazionali per le metodologie didattiche innovative – nasce dall’intento di promuovere lo spirito di ricerca dell’innovazione metodologico-didattica , favorire la condivisione e lo scambio in un’ottica sistemica di sperimentazione e di creazione di una sinergia educativa, diffondere l’innovazione metodologico-didattica sul territorio nazionale, disseminare buone pratiche attraverso la creazione di comunità professionali aperte.

Il macro-obiettivo dell’iniziativa progettuale consiste nella costituzione di una rete nazionale di scuole volte all’innovazione dei processi di insegnamento e apprendimento, a partire dalla creazione di una Rete pilota, composta da 12 scuole di Umbria- Basilicata- Campania- Piemonte- Sicilia- Lazio – Sardegna – Friuli Venezia Giulia, alle quali si sono unite oltre 150 scuole del primo e del secondo ciclo dell’istruzione, interessate ad avviare sperimentazioni nelle metodologie didattiche innovative del DEBATE/PUBLIC SPEAKING e del TINKERING/MAKING/IoT, utili a favorire l’upskilling necessario a rispondere alle sfide di un mondo che cambia rapidamente. Le azioni di progetto, che si concluderanno nell’a.s. 2021-22, ispirate ai concetti chiave di formazione, laboratorialità, condivisione, permetteranno alle scuole della Rete di avviare la sperimentazione delle metodologie innovative o potenziarne la realizzazione, condividendo risorse educative e strumenti di supporto al mutual learning tra i docenti, nell’ottica dello scambio di buone pratiche.